Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

– 2 a Marte: tutto bene ma che paura….

Il momento del distacco di Schiaparelli
Il momento del distacco di Schiaparelli

Tutto bene, Schiaparelli sta andando verso Marte, dove arriverà quando da noi sarà mercoledì pomeriggio, e il satellite principale TGO, che resterà attorno al pianeta, ha effettuato una manovra fondamentale per cambiare la propria orbita, come previsto, alle 6:42 ora italiana. Altrimenti il modulo di ammartaggio, Schiaparelli, e il TGO si sarebbero scontrati ….

Ma non è certo questa manovra, effettuata perfettamente nel momento e modo previsto, ad avere creato ansia, ma la “perdita” di Schiaparelli, durata una decina di minuti. Ieri infatti alle 16:26 ora italiana il modulo di ammartaggio con i suoi quasi 600 chili (al decollo) si è staccato perfettamente da TGO (2.000 chili oltre al carburante) ma non sono arrivati i segnali che si aspettavano che confermavano il distacco e la posizione di Schiaparelli. Dato che la separazione dei due mezzi è un processo molto delicato, soprattutto per le vibrazioni che si innescano e rischiano di produrre danni.

Ansia e visi tirati, io ero in treno e mi ha telefonato un collega con cui abbiamo fatto le prime considerazioni. Ansiose. Per fortuna il tutto è durato circa 10 minuti e poi la posizione e stato di salute di Schiaparelli, che ricordiamo viene ritrasmesso dai sistemi più potenti della sonda TGO che fa ponte con la Terra, ci è arrivata tramite l’antenna da 35 metri di apertura di Malargüe, Argentina, specializzata per le trasmissioni con lo spazio profondo. Ora la discesa continua.